The George Aloe and the Sweepstake o (The Coasts of) High Barbary è considerata sia una sea shanty che una ballata (Child ballad 285) e di certo la sua versione originale è molto anticae probabilmentecinquecentesca. Così nella commedia seicentesca Two Noble Kinsmen George Alow came from the south, From the coast of Barbary a; And there he met with brave gallants of war, By one, by two, by three a. La definizione più corretta è corsari barbareschi perchè assalivano solo le navi dell cristiana (compiendo inoltre razzie anche nei paesi cristiani della costa atlantica e del mediterraneo per procacciare schiavi o per ottenere lauti riscatti).

Per tenere i muscoli al caldo, poi la scelta migliore sono i pantaloni antivento come quelli di Asics realizzati con un tessuto spazzolato che ricopre la pelle come un secondo morbido strato. Hanno taschino con zip impermeabile per infilare il lettore mp3 e bande catarifrangenti. Infine gli accessori indispensabili.

My organization has interviewed both Sunni and Shiite militants to get their perspective on why they fight the United States. In the last year our focus has been on the Shiite Mahdi Army. The Mahdi Army, the militia loyal to Shiite cleric Muqtada al Sadr, does not want Iraq to be an occupied nation and does not believe that the Iraqi government is a legitimate government with a foreign force still in Iraq.

Jennifer era infatti spaventata dalla grandezza del progetto, ma come ha dichiarato in un per la rivista si è lasciata convincere dalla madre:Ho finalmente parlato con mia mamma. Ho sempre fatto film indipendenti e lei mi ha detto: volta che le persone ti chiedono perché non prendi parte a un film delle major, hai sempre risposto che era perché non ti interessava la portata del film, ma solo la storia e il personaggio. Ma sei ipocrita, perché ora hai sia la storia sia il personaggio che vorresti, ma non accetti per la dimensione del film così ho detto di sì..

Bisogna allora in primis cercare di capire cosa sta cambiando in seguito alle novità prossime che riguarderanno l’organizzazione sanitaria in una logica di sviluppo della sanità territoriale, con la nascita degli ospedali di comunità e delle medicine di gruppo integrate, in un’ottica di rimodulazione dei posti letto ospedalieri esaminando l’impatto, che tale cambiamento, potrà avere sul sistema stesso e sui vari professionisti. Subito dopo ci si è soffermati sulle eventuali nuove esigenze manageriali che i diversi professionisti dovranno possedere, cercando di sviscerare, analizzando e confrontando le diverse esperienze nazionali ed internazionali sul campo, il loro impatto sulle risorse umane e strutturali, alla luce di risultati pratici, in un nuovo ruolo di decisori. Si è cercato di capire come il ruolo dei nuovi indicatori di performance sanitarie e delle best practice impattino con tutto ciò, in un’ottica di cambiamento culturale della professione infermieristica che certamente deve passare da una diversa e più moderna formazione di tali figure professionali con l’obiettivo dichiarato di promuovere metodi di formazione, per gli aspetti teorici, ed esperienza pratica che tengano conto dei citati cambiamenti.